AQUILEIA

PATRIMONIO DELL'UMANITÀ

mercoledì 29 settembre 2021

Dalla penna d’oca alla macchina da scrivere. Guglielmo Coronini e la bella scrittura

In occasione del 25° anniversario della morte del conte Guglielmo Coronini, seguendo quella vocazione di dimora storica e di museo delle arti decorative che proprio l’ultimo proprietario aveva evocato nel suo testamento, con la mostra che sarà inaugurata il prossimo 10 aprile, realizzata grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e della Regione Friuli Venezia Giulia, la Fondazione Palazzo Coronini Cronberg intende riprendere il programma di valorizzazione, conoscenza e divulgazione delle proprie collezioni già iniziato con le esposizioni dedicate ai merletti, alle miniature e ai gioielli.
In un’epoca in cui l’uso generalizzato di computer, tablet e smartphone, la digitalizzazione dei testi e la scrittura vocale fanno apparire quasi obsoleta l’abitudine di scrivere a mano su un foglio di carta, può essere utile e interessante, soprattutto per le nuove generazioni, fermarsi a riflettere su quelli che erano, in un passato non troppo lontano, gli strumenti e gli accessori utilizzati per la scrittura. Attraverso l’esposizione di calamai, tagliacarte, pennini metallici, penne stilografiche, portamine e matite meccaniche è possibile seguire l’evoluzione delle abitudini scrittorie negli ultimi due secoli, con un occhio di riguardo per l’aspetto estetico, storico e artistico, dal momento che questi oggetti, soprattutto se utilizzati dalle classi elevate, non di rado erano realizzati con materiali preziosi e caratterizzati da raffinati decori.
Nata dall’esigenza di fissare su un supporto pensieri e parole in maniera duratura, la scrittura si rivelò immediatamente uno straordinario mezzo di comunicazione che in età moderna si estese a parti sempre più vaste della popolazione, a cominciare dalle classi medio-alte, tra le quali era più elevato il livello di alfabetizzazione. L’importanza della corrispondenza quotidiana all’interno di una famiglia, soprattutto per coloro che erano costretti a trascorrere lunghi periodi lontano da casa, trova ampie testimonianze all’interno dell’Archivio Storico Coronini Cronberg, che consentono di scoprire le modalità con cui veniva scritta e confezionata una lettera, l’uso di sigilli e ceralacca, il progressivo passaggio dal plico, alla busta alla cartolina. Tra i prodotti della scrittura legati a un ambito strettamente famigliare, e in particolare al mondo femminile, vi sono anche gli album di ricordi, molto diffusi nel corso dell’Ottocento tra le dame dell’alta società. Come rivelano i tre esemplari esposti, tra cui quello appartenuto a Sophie de Fagan (1792-1857), moglie di Michele Coronini Cronberg, questi romantici album dalle eleganti rilegature racchiudevano, oltre a componimenti poetici e dediche tracciati in bella calligrafia, disegni, stampe e fiori essiccati, lasciati da amici e conoscenti in segno di affetto verso la proprietaria.
Per ricordare la figura di Guglielmo Coronini una sezione della mostra, curata da Maddalena Malni Pascoletti, è stata dedicata al rapporto del conte con la scrittura. Attraverso le sue carte personali si intende seguire, dagli anni della giovinezza alla piena maturità, la progressiva trasformazione della sua scrittura verso una calligrafia elegante e composta, dalle forme allungate e regolari. Tra minute di lettere e appunti, vergati a mano con il tratto deciso di una penna stilografica, emergono numerosi fogli e annotazioni, disordinati e scomposti che, in mezzo a schizzi, conti o stime, mostrano quelli che sembrano dei veri e propri esercizi calligrafici, a testimoniare la sua cura, talora quasi ossessiva, per la parola scritta.
La mostra coinvolge anche l’interno del Palazzo Coronini, dove l’allestimento, ideato dallo studio mod.land s.r.l. di Gorizia, intende valorizzare soprattutto i tanti scrittoi e i secrétaire già presenti nelle sale, aperti per l’occasione a rivelare la ricchezza degli interni e a svelare scomparti e cassetti segreti. Nell’edificio delle Scuderie, inoltre, lo spazio d’ingresso alla mostra è stato affidato agli allievi dei corsi di Design della moda e di Decorazione pittorica del Liceo Artistico “Max Fabiani” di Gorizia. Il progetto, coordinato dagli insegnati Antonella Pizzolongo, Paolo Troian e Rosanna Nardon, ha portato alla creazione di uno “Spazio scritto”, un allestimento articolato in cui installazioni cartacee interagiscono con opere composite che esplorano le potenzialità estetiche della scrittura.
La mostra, curata da Cristina Bragaglia, gode del patrocinio del Comune e della Provincia di Gorizia e si avvale della collaborazione dei Civici Musei di Storia e Arte di Trieste, che hanno concesso il prestito di un gruppo di calamai e servizi da scrittura conservati al Museo Sartorio, e dell’Archivio di Stato di Gorizia, presso cui è depositato l’Archivio Storico Coronini Cronberg.
I numerosi eventi collaterali in programma vedranno, tra gli altri, la partecipazione del Centro Studi e Restauro di Gorizia, laboratorio specializzato nel restauro di libri e materiali cartacei, e di Scriptorium Foroiuliense, associazione con sede a Ragogna impegnata nell’insegnamento dell’arte calligrafica antica. Speciali laboratori per i bambini delle scuole primarie sono inoltre previsti per tutta la durata della mostra. 

Info

Data: dal 11 Aprile 2015 al 04 Ottobre 2015
Luogo: Palazzo Coronini Cronberg
A cura di: Cristina Bragaglia Venuti, Maddalena Malni Pascoletti
Indirizzo: Gorizia - viale XX Settembre 14
Telefono: +39 0481 533485
Email: info@coronini.it
Sito ufficiale: www.coronini.it
Orario: da mercoledì a domenica 10-13 / 15-18
Ingresso: intero € 5, ridotto studenti € 3; gratuito bambini fino ai 10 anni, disabili