AQUILEIA

PATRIMONIO DELL'UMANITÀ

sabato 18 settembre 2021

Incontri sulla mostra "Due fronti, una città"

Due fronti, una città, Salone degli Incanti, Trieste

Diciassette incontri su “14-18 Due fronti, una città” animeranno, tra febbraio e giugno, il Salone degli Incanti di Trieste, che ospita la mostra sulle “storie triestine” durante il primo conflitto mondiale. Si parlerà di storia, letteratura e cinema, insieme a storici, registi, ed altri esperti, affrontando il tema con lo stesso approccio voluto dal Comune di Trieste per l’esposizione: una rilettura delle diverse esperienze dei suoi abitanti, con un linguaggio attuale e dal respiro europeo. Perché a Trieste, città in bilico tra due fronti, la vita dei triestini tra il 1914 e il 1918 non fu solo “instabile”, bensì anche ricca di vicende inedite.Tutti gli incontri, organizzati da La Cappella Underground, si svolgeranno nell’Auditorium, al primo piano del Salone degli Incanti/ex Pescheria (Riva Nazario Sauro 1), con inizio alle ore 18.

Si inizia venerdì 5 febbraio con la significativa presenza dello storico Mario Isnenghi che parlerà di “Trieste 1914-1918 tra mito, storia e letteratura”.

Si prosegue il 12 febbraio è in programma la proiezione del documentario “Trieste Giallo Nera”, realizzato nel 2014 dal regista Giampaolo Penco. Il 19 febbraio, si ricordano con Roberto Todero “I ragazzi del 97’ I triestini con il Feld Grau” e, a seguire, la proiezione del filmato “Visita dell’imperatore Carlo I a Trieste, giugno 1917″.

Il 26 febbraio va in scena il film “La rosa rossa”, con la regia di Franco Giraldi (1973).

Gli incontri del mese di marzo si aprono il 4 con l’intervento di Franco Cecotti su “Profughi, regnicoli, internati, fuoriusciti da Trieste e dal Litorale”;  seguirà poi, l’11 marzo, la proiezione del film “Un anno di scuola”, con la regia di Franco Giraldi. Il 18 marzoFabio Todero parlerà di “Volontari irredenti del Litorale tra storia e mito”.

Cinque gli appuntamenti nel mese di aprile: la proiezione del film “La frontiera” (Franco Giraldi, 1996); gli interventi di Roberto Spazzali, “Voci dal fronte: il memoriale di Mario Cermak e il diario fotografico di Mario Slavich”; Marta Verginellla, “Chi è il nostro nemico? Diari e memorie di triestini e triestine sloveni”; Marina Rossi, “Identità complessa dei militari del Litorale nell’esercito asburgico”. Concluderà il programma di aprile la proiezione del documentario “Ungaretti sul Carso”, con la regia di Maria Erica Pacileo e Fernando Maraghini, introdotto da Lucio Fabi.

maggio, si parlerà de “Il caso Henriquez” con Veit Heinichen e Giampaolo Penco che introdurranno la proiezione del documentario “Le lunghe ombre della morte” (2005). Seguiranno altre due proiezioni: “Doppio sguardo sulla Grande Guerra”, con i materiali cinematografici d’archivio della Cineteca del Friuli, presentati da Sergio M. Germani, Lucio Fabi e Gianluca Guerra; “Animali nella Grande Guerra”, con la regia di Folco Quilici (2015). A fine maggio, l’intervento di Nicolò Giraldi “La Grande Guerra a piedi”. Chiuderà il programma, il 3 giugnoIgor Dolenc, parlando de “I cimiteri austro-ungarici: una ricerca sul territorio”.
 
Programma in allegato.

Info

Data: dal 05 Febbraio 2016 al 03 Giugno 2016
Luogo: Auditorium del Salone degli Incanti
Indirizzo: Trieste - Riva Nazario Sauro 1
Telefono: +39 040 3226862
Email: direzione.area.cultura@comune.trieste.it
Orario: h 18
Ingresso: ingresso gratuito fino ad esaurimento posti disponibili