AQUILEIA

PATRIMONIO DELL'UMANITÀ

sabato 16 ottobre 2021

Episcopio

Episcopio, Mosaico, Area Archeologica di Aquileia | Foto: © Gianluca Baronchelli
I primi resti di pavimenti a mosaico e strutture murarie che il visitatore incontra facevano parte della residenza del vescovo di Aquileia, edificata tra la fine del IV e l’inizio del V secolo d.C..
Una lunga sala, collegata probabilmente al complesso basilicale post-teodoriano, fu costruita sopra le macerie dell’aula absidata e delle strutture di IV secolo d.C.. 
In origine a occidente un muro divideva la sala da un’area lastricata esterna, mentre su altri due lati sorgevano le strutture di ingresso al complesso.
Il mosaico pavimentale di fine IV - inizio V secolo d.C. è suddiviso in due tappeti di diversa ampiezza: uno spazio è decorato a quadrati concentrici con tessere di cotto. La parte più ampia è invece vivacizzata da motivi geometrici che ripropongono i colori e le forme dell’intera produzione aquileiese coeva, come losanghe e nodi di Salomone.