AQUILEIA

PATRIMONIO DELL'UMANITÀ

venerdì 17 settembre 2021

Tra gli ospiti Paolo Mieli e Alberto Angela in collagamento

Cinema e archeologia sotto le stelle: al via l'Aquileia Film Festival

Le piazze di Aquileia Film Festival | Courtesy Fondazione Aquileia
Samantha De Martin - 21/07/2021
Sorvegliato dal campanile della Basilica - che vigila sulla pianura friulana con i suoi settantatré metri di altezza - un palcoscenico estivo di grande fascino trasformerà, per sette giorni, Aquileia nella capitale del cinema, della musica, dell’archeologia.

Dal 27 luglio al 3 agosto, la dodicesima edizione dell’Aquileia Film Festival - la rassegna di cinema arte e archeologia, organizzata dalla Fondazione Aquileia in collaborazione con Archeologia Viva, Firenze Archeofilm e con Comune di Aquileia, Soprintendenza Archeologia Belle Arti Paesaggio del Fvg, PromoTurismoFvg, Regione FVG, Fondazione So.Co.Ba. e il sostegno di Solaris Yachts - animerà piazza Capitolo e piazza Patriarcato.

L’ampia distesa erbosa di Piazza Patriarcato accoglierà un maxi schermo dove verranno trasmesse, in diretta, le conversazioni con l’ospite della serata, a cura da Piero Pruneti, direttore di Archeologia Viva, che scalderanno il palco di piazza Capitolo.


Gloria: Apoteosi del Soldato Ignoto | Courtesy Fondazione Aquileia 

L’ouverture del Festival, martedì 27 luglio, si preannuncia in grande stile, con una serata-evento di cinema muto e musica dal vivo dedicata al centenario del Milite Ignoto, fortemente voluta, come spiega Emanuele Zorino, sindaco e presidente della Fondazione Aquileia “per sottolineare l’importanza della ricorrenza della traslazione della salma del Milite Ignoto nel 1921 da Aquileia a Roma e per aprire le celebrazioni che vedranno Aquileia protagonista tutto l’anno”.
Sarà l’occasione per assistere alla prima assoluta del film Gloria. Apoteosi del soldato ignoto in una versione restaurata digitalmente dalla Cineteca del Friuli.
La musica accompagnerà le immagini, grazie a Valter Poles (compositore e live electronics) che, assieme a Martina Pietrafesa e Diego Cal, eseguirà dal vivo la nuova colonna sonora del film sostenuta dalla Fondazione Aquileia, e realizzata nel 2021 da Aquileia Digital Arts.
Seguirà una conversazione con il giornalista e divulgatore Paolo Mieli che, partendo dai temi del film, presenterà il suo ultimo libro, La terapia dell’oblio. Contro gli eccessi della memoria, edito da Rizzoli.

Pianeta archeologia
La storia del cavallo di Troia è forse una delle storie più famose mai raccontate. Ma se il mito del cavallo non fosse vero? Nuove rivoluzionarie scoperte dimostrano che una delle storie più famose di tutti i tempi dovrà probabilmente essere riscritta. A orientare in tal senso gli spettatori sarà, mercoledì 28 luglio alle 21, il film Il mistero del Cavallo di Troia. Sulle tracce di un mito di Roland May, Christian Twente.


Il mistero del Cavallo di Troia. Sulle tracce di un mito | Foto: © gruppe 5/ Scope VFX | Courtesy Fondazione Aquileia

A seguire, al termine della conversazione con l’archeologo navale Francesco Tiboni, il cortometraggio Choquequirao, la geografia sacra degli Incas di Agnès Molia, Nathalie Laville ricorda questo popolo di geniali architetti che, sebbene non conoscessero la scrittura e nemmeno la ruota, realizzarono enormi edifici in pietra e terrazze a più livelli per l’agricoltura.

L’appuntamento di giovedì 29 luglio ci conduce invece nel ventre marino, sulle tracce di uno straordinario patrimonio sommerso. Prodotto da Rai Cultura, con la regia di Eugenio Farioli Vecchioli e Marta Saviane, il film Il patrimonio sommerso. Un museo sul fondo del mare svela le meraviglie della città di Baia, ma anche la storia della nave romana di Albenga e del satiro danzante di Mazara del Vallo.
Ospite della serata, l’archeologo Cristiano Tiussi approfondirà l’importanza strategica del porto fluviale di Aquileia per la storia della città.


Il patrimonio sommerso. Un museo sul fondo del mare | Courtesy Fondazione Aquileia

Da piazza Capitolo il pubblico si imbarcherà per una spedizione archeologica nel cuore del Gabon, sulle tracce dei primi uomini lungo il fiume Congo, guidato dal cortometraggio Elarmekora di Clément Champiat.
Ospiti attesi della serata di venerdì 30 luglio saranno invece gli strumenti dalla tecnologia prestati al patrimonio archeologico. Il cortometraggio Indagini in profondità. Il robot degli abissi di Guilain Depardieu e Frédéric Lossignol seguirà una squadra di archeologi al largo delle coste di Tolone, in Francia, impegnata a inviare su di un relitto il robot umanoide “Ocean One”.
Special guest della serata, Alberto Angela presenterà i suoi due ultimi libri della trilogia di Nerone, L’ultimo giorno di Roma e L’inferno su Roma, editi da Harper Collins.


Indagini in profondità. Il robot degli abissi | Courtesy Fondazione Aquileia

La new entry di quest’anno, nella formula, ormai rodata, che coniuga cinema, archeologia e grandi divulgatori scientifici, sarà la musica. Sabato 31 luglio alle 21 i ritmi di MARAM Oriental Ensemble ci faranno viaggiare lungo la sponda orientale del Mediterraneo. Partendo dal Marocco, a cavallo delle note, percorreremo il Nord Africa, passando per Egitto, Palestina, Libano, Siria, Iraq, fino alla Turchia.
L’evento è abbinato alla mostra Da Aquileia a Betlemme: un mosaico di fede e bellezza che alterna musica, lettura scenica e proiezioni.

Il patriarcato di Aquileia e le città ideali
Sono in programma anche due serate fuori-concorso moderate da Elena Commessatti.
Lunedì 2 agosto sarà proiettato, in prima assoluta, Patriae. Viaggio nel patriarcato di Aquileia di Marco D’Agostini, prodotto da All e Arlef. Il documentario segue il viaggio della quattordicenne Carolina, impegnata, in occasione di una ricerca sul Patriarcato, a rintracciare sul territorio i passaggi più significativi di oltre tre secoli di storia.
Martedì 3 agosto, grazie alla proiezione del docu-film prodotto da RTV Slovenija, gli spettatori, attraverso Le città ideali con la regia di Amir Muratović, seguiranno la nascita di Aquileia, Gradisca d’Isonzo, Palmanova, Torviscosa e Nova Gorica, sviluppatesi nella pianura friulana e lungo il confine sloveno a partire da un progetto unitario.


Elarmekora | Courtesy Fondazione Aquileia

Come partecipare alle serate dell'Aquileia Film Festival
Per partecipare alle serate dell’Aquileia Film Festival è obbligatoria la prenotazione on-line, da effettuare sul sito della Fondazione Aquileia. Si riceverà una mail con il biglietto d’ingresso e il posto assegnato da esibire anche su smartphone ai varchi d’ingresso. I posti verranno assegnati in ordine cronologico di arrivo delle prenotazioni.

 Leggi anche:
La lunga estate di Aquileia

Da non perdere

Vedi tutte

Aquileia, il sito Unesco dalle mille vite attraverso 2200 anni di storia

Avamposto militare e croceva dei commerci durante l’età romana, Aquileia fu un importante centro di irradiazione del Cristianesimo. In epoca medievale fu sede del Patriarcato. Nel Novecento divenne simbolo di italianità con il primo cimitero militare dei caduti sul fronte del Carso.

Cinema e archeologia sotto le stelle: al via l'Aquileia Film Festival

Dal 27 luglio a piazza Capitolo e a piazza Patriarcato sette serate in compagnia di tanti ospiti. Tra gli appuntamenti, la prima assoluta del film "Gloria. Apoteosi del soldato ignoto" e la musica di MARAM Oriental Ensemble, un viaggio attraverso il Mediterraneo orientale.

Notizie

Vedi tutte
Udine | Intervista all’archeologo Luca Villa

Attila, il distruttore? Chissà. Ad Aquileia la storia torna sui suoi passi

Mille leggende aleggiano intorno agli Unni e al famigerato Sacco di Aquileia, che secondo la tradizione avrebbe raso al suolo la fiorente città di confine. Ma le ultime scoperte raccontano un’altra storia.
Udine | Mostre, passeggiate archeologiche, tour al tramonto: tutti gli appuntamenti

La lunga estate di Aquileia tra arte, cultura e intrattenimento

A Palazzo Meizlik una rassegna celebra il legame di fede e bellezza che unisce Betlemme ad Aquileia, mentre passeggiate serali alla domus di Tito Macro e visite teatralizzate offrono uno sguardo nuovo sulla vita nella città antica. In programma anche concerti e l’iniziativa Calici di Stelle.
Udine | Il racconto di Cristiano Tiussi, direttore della Fondazione Aquileia

Aquileia, il sito Unesco dalle mille vite attraverso 2200 anni di storia

Avamposto militare e croceva dei commerci durante l’età romana, Aquileia fu un importante centro di irradiazione del Cristianesimo. In epoca medievale fu sede del Patriarcato. Nel Novecento divenne simbolo di italianità con il primo cimitero militare dei caduti sul fronte del Carso.

Video Itinerari

Vedi tutte

Aquileia romana: l’edilizia pubblica

Alla scoperta dei luoghi dove si svolgeva la vita pubblica in età romana. Il Foro, cuore ...

Aquileia romana: l'edilizia privata

L’antica dimora di Tito Macro, tra sontuose sale di rappresentanza e magnifici ...

Aquileia paleocristiana

L’età dell’oro di Aquileia: tra la Basilica paleocristiana e il Museo, scrigno di...