AQUILEIA

PATRIMONIO DELL'UMANITÀ

mercoledì 29 settembre 2021

Sezione VI.3, l’elmo da parata

35 a.C. | Da Aquileia alla conquista delle regioni illiriche
Elmo restituito dall'acqua presso il Museo Archeologico Nazionale ad Aquileia | Foto: © Gianluca Baronchelli
Due elmi di ferro ricoperti con lamina d’argento ci parlano dei trascorsi militari di Aquileia, nata come base romana in vista dell’espansione dell’Impero verso Est.

Il più antico dei due elmi è stato ritrovato nel 1968 all’interno di una cisterna, quasi completamente privo del suo prezioso rivestimento. Il paranuca orizzontale rispetto alla calotta fornisce importanti informazioni sul modo di combattere del guerriero che lo indossava: indica che il soldato lottava in posizione inclinata, quasi raccolto su se stesso.

In uso a partire dal I secolo a.C. durante le parate, questi elmi si trasformavano in accessori di forte impatto scenografico grazie all’applicazione di un cimiero in setole variopinte.


Altre opere - Museo Archeologico Nazionale di Aquileia