AQUILEIA

PATRIMONIO DELL'UMANITÀ

giovedì 25 luglio 2024

Sezione VI.1., la stele funeraria della mima Bassilla

Stele della mima Bassilla, Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, Courtesy of Museo archeologico nazionale di Aquileia | Foto: © Slowphoto.studio
“Sta di buon animo Bassilla, nessuno è immortale”, recita un verso inciso su una stele funeraria del Museo Archeologico di Aquileia. Chi è la destinataria dell’epigrafe? L’iscrizione in lingua greca indica che la donna era di provenienza orientale, come molti medici, insegnanti e artisti attivi nell’antica Aquileia. Nella città del III secolo d.C. Bassilla doveva essere una celebrità: virtuosa della danza e dell’arte del mimo, era nota come “la Decima Musa”. I versi sulla stele ci aiutano a conoscerla meglio, ricordando i successi teatrali e gli applausi tributati al suo versatile talento. 

Altre opere - Museo Archeologico Nazionale di Aquileia